Domicilio fiscale del contribuente

Per domicilio fiscale del contribuente è da intendersi (sia ai fini IVA che ai fini delle imposte sul reddito) quello definito dagli articoli 58 e 59 del D.P.R. 600/1973.

Il domicilio fiscale è dato:

Nel concordato è necessario individuare il domicilio fiscale del contribuente al fine di determinare l'ufficio competente a ricevere le istanze di cui all'art. 6, commi 1 o 2 del D.Lgs. 218/1997, ovvero ad inviare l'invito a comparire di cui all'art. 5, comma 1 dello stesso decreto legislativo.

Si precisa che, ai fini della individuazione dell'ufficio competente, è necessario avere riguardo al domicilio fiscale del soggetto alla data di presentazione della dichiarazione relativa all'annualità per la quale si intende concordare: tale domicilio fiscale, infatti, individua l'ufficio competente all'accertamento nei confronti del contribuente.