TITOLO II - IL PROCESSO
CAPO I - Il procedimento dinanzi alla Commissione Tributaria provinciale
Sezione III - La trattazione della controversia

Articolo 32 - Deposito di documenti e di memorie

1. Le parti possono depositare documenti fino a venti giorni liberi prima della data di trattazione osservato l'articolo 24, comma 1.

2. Fino a dieci giorni liberi prima della data di cui al precedente comma ciascuna delle parti può depositare memorie illustrative con le copie per le altre parti.

3. Nel solo caso di trattazione della controversia in camera di consiglio sono consentite brevi repliche scritte fino a cinque giorni liberi prima della data della camera di consiglio.

 

Funzione. Quest'articolo, che sostanzialmente riprende il contenuto dell'articolo 19-bis del D.P.R. 636/72, disciplina le modalità attraverso le quali le parti possono integrare la documentazione prodotta, illustrare con maggiore chiarezza le proprie posizioni processuali, replicare brevemente alle deduzioni di controparte, per l'ultima volta, prima di affrontare la trattazione.

Si ricorda che, per la costituzione in giudizio del ricorrente, è necessaria la produzione di tre copie di ogni documento in carta semplice (Decreto Commissione Tributaria regionale di Bari del 4-2-1997 n. 3).

Va prestata molta attenzione al fatto che non è prevista alcuna comunicazione alle parti dei depositi di cui all'articolo 32. Sarà onere di queste, infatti, visionare il fascicolo del processo con periodicità e costanza, al fine di evitare di trovarsi nell'impossibilità di contestare le produzioni o di replicare alle deduzioni di controparte.

Termini e contenuto. E' possibile depositare in segreteria:

- entro venti giorni liberi prima della trattazione: nuovi documenti (vedi anche commento all'articolo 24, comma 1);

- entro dieci giorni liberi prima della trattazione: memorie illustrative in tante copie quante sono le parti costituite; si ricorda che con le memorie illustrative le parti non possono allargare la causa petendi (vedi commento all'articolo 24); non possono cioè addurre nuovi motivi non già menzionati nel ricorso o nella memoria di costituzione (articolo 23, comma 3) ma, semplicemente, possono approfondire e ampliare i temi già esposti nell'atto introduttivo;

- entro cinque giorni liberi prima della trattazione: brevi repliche che hanno la stessa natura delle memorie illustrative e la esclusiva funzione di ultima risposta a quanto detto dalla controparte nelle memorie. Non è previsto alcun obbligo di depositare copie per le altre parti.

 

Tratto da
LE LITI CON IL FISCO
di: Fernando Salvatore Cazzella, Massimo Conigliaro, Francesco Fabbiani, Maurizio Villani
a cura di Federico Maurizio d'Andrea e Fabrizio Petrucci